Logo Compass Banca
Prestiti personali

Osservatorio Compass

Studio sul Credito al Consumo dalla parte dei punti vendita convenzionati

Osservatorio Compass

Per dare voce a coloro che ogni giorno lavorano con noi per offrire prodotti e servizi di elevato valore, Compass ha pensato di raccontare in un Osservatorio la realtà dei convenzionati, come vivono il contesto attuale e quali prospettive si attendono per il futuro.

Compass, in occasione del Salone del mobile, dedica la nuova edizione dell’Osservatorio Compass al settore dell’arredamento, approfondendo in particolare l’approccio e le attitudini degli italiani verso la propria casa, come si sviluppa il processo di acquisto per i mobili e oggetti di arredamento con un focus sulla casa domotica e gli smart speaker. Infine, un overview del mercato dei prestiti finalizzati del settore dell’arredamento.

Gli italiani e la casa
  • Gli italiani si confermano un popolo di possessori di casa: il 74% vive in una casa di proprietà. Questo vale anche per i giovani, anche se in quota minore (59%). Principalmente gli italiani vivono in un appartamento in contesto condominiale (60%), seguito dalle case/ville unifamiliari (21%) e dalle villette a schiera (9%).

  • L’80% degli italiani si ritiene soddisfatto dalla propria realtà abitativa ma, se si potesse migliorare, la casa ideale dovrebbe essere con più spazi esterni, con più verde o giardino (37% delle citazioni) e più eco-sostenibile (32%). Il target dei giovani 18-30 si distingue dal resto degli intervistati perché vorrebbero abitare in una casa di maggiori dimensioni, più moderna e tecnologica.

  • Il 70% degli intervistati ha intenzione, nei prossimi 12 mesi, di dedicarsi almeno ad un progetto legato alla propria abitazione. Principalmente l’attenzione va verso i consumi, con il 39% che ha in animo di effettuare lavori di efficientamento energetico, mentre un 22% ristrutturerà la propria casa. Tra i giovani c’è voglia di «evoluzione» della propria situazione, con un 16% che dichiara di aver intenzione di acquistare casa, oltre ad un 13% che valuta l’affitto.

Mobili e oggetti di arredo: il processo di acquisto
  • In generale i siti di arredamento e di moda sono il canale d’informazione principale per l’acquisto dei mobili per gli italiani (42% delle citazioni). Questo vale anche per i giovani, anche se fra di loro hanno più peso i social network (46%), far cui emerge in particolare Instagram.

  • Oggi ben il 38% degli italiani (fra cui quasi 1 giovane su 2) oggi acquista complementi d’arredo online: resta però la voglia di «toccare» i prodotti, tant’è che vi è un 15% degli italiani che si informa sul prodotto nel canale fisico e poi compra online (alla ricerca di una maggior convenienza economica).

  • Tra i principali driver che guidano il consumatore nella scelta di acquisto di un mobile o accessorio per la casa emergono principalmente la convenienza (68% delle citazioni), la qualità (63%) e la funzionalità. I giovani sembrano abbracciare stili più «eclettici» badando più al proprio gusto personale invece che all’armonia con il resto della casa.

Casa domotica e smart speaker
  • Se i principali ambiti di applicabilità prefigurati dagli italiani sono la gestione dei consumi e la sicurezza, ad oggi chi afferma di avere dotazioni domotiche nella propria abitazione - il 56% degli intervistati, che sale al 65% tra i giovani under30 - le usa prevalentemente per intrattenimento connesso online.

  • In questi ultimi anni, hanno avuto un importante sviluppo gli assistenti vocali /smart speaker per la casa: la quasi totalità degli italiani (9 su 10) hanno sentito parlare degli assistenti vocali, ed oggi ben il 29% ne possiede uno, dato in netta crescita rispetto a tre anni fa (8%).

Il mercato dei prestiti finalizzati arredamento
  • L’andamento annuale dei volumi di prestiti finalizzati erogati tramite il canale dei convenzionati mostra un deciso recupero rispetto al 2020, tuttavia non si sono raggiunti ancora i livelli pre-pandemia (-0,7% vs 2019). Il settore dell’arredamento, che rappresenta circa l’8% dei volumi erogati, rileva una maggiore fatica nel recupero dei volumi (-8% vs 2019).

  • Nell’analisi per canali di vendita che compongono il settore arredamento si evidenzia come siano le grandi catene distributive il segmento che più fatica a recuperare i volumi: si registra infatti una decelerazione pari al -12,4% rispetto al 2019. Gli altri distributori tradizionali invece segnano un -2,4% rispetto al 2019, con 780 milioni di euro erogati.

 

 

Diventa cliente:

Fatti consigliare da un nostro esperto. Con Compass ti basta un giorno. Fissa un appuntamento!

FISSA UN APPUNTAMENTO

Ti bastano pochi documenti per chiedere il tuo prestito completamente online.

richiedi online