Fissa Appuntamento
CLICCA QUI

Osservatorio Compass

Per dare voce a coloro che ogni giorno lavorano con noi per offrire prodotti e servizi di elevato valore, Compass ha pensato di raccontare in un Osservatorio la realtà dei convenzionati, come vivono il contesto attuale e quali prospettive si attendono per il futuro.

Le principali evidenze

Il 48% dei convenzionati intervistati dall’Osservatorio Compass prevede un aumento nelle vendite nei prossimi 12 mesi e solo l’8% teme una riduzione del proprio fatturato.
La fiducia espressa nelle vendite future appare trasversale su tutti i settori, in particolare nel comparto auto/moto dove il 53% dei convenzionati si attende un aumento del business.

Il contesto macroeconomico per i prossimi 12 mesi continua ad essere considerato in ripresa con giudizi decisamente positivi non solo sulle vendite ma anche sulle attese in generale dell’economia. Rimane però qualche riserva rispetto ai costi sostenuti e alla concorrenza.

Il primo semestre del 2016 ha segnato una crescita importante in termini di finanziato (+21,0% rispetto al primo semestre del 2015), per un totale di 9,0 Mld di € di erogato. A crescere è soprattutto il comparto dei finanziamenti per l’acquisto di auto e moto in ripresa del 24% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno con 7,2Mld di € di erogato in un semestre.

Nel I semestre del 2016 l’incidenza dei finanziamenti per auto nuova rispetto alle immatricolazioni a soggetti privati si conferma pari al 66%, segno dell’importante sostegno alle vendite del servizio del credito al consumo.

A supporto della crescita del mercato anche l’incremento registrato sui ticket medi dei finanziamenti in particolare nei comparti auto usata e motocicli (rispettivamente +3,4% e +4,2% rispetto al 2015).

Si conferma anche in questa edizione l’importanza del finanziamento nel percepito del convenzionato per contribuire alla vendite dei beni/servizi. Solo il 21% degli acquisti sarebbe stato effettuato comunque senza ricorrere al finanziamento, mentre, oltre il 50% delle vendite finanziate non sarebbero avvenute senza prestito.

Tra le modalità vincenti di proposizione del finanziamento emerge la comodità nella dilazione del pagamento per il cliente, che anticipa così un risparmio futuro, e l’offerta a tasso agevolato.

I livelli di soddisfazione dei convenzionati rispetto al credito al consumo sono elevati, ma ancor più interessanti appaiono i livelli di advocacy. Oltre 2 convenzionati su 3 consiglierebbe ai propri colleghi l’utilizzo di questo servizio.

I convenzionati citano tra i principali motivi che inducono all’offerta del credito al consumo la crescita del portafoglio clienti e il conseguente aumento delle vendite. In particolare il credito al consumo consente di sostenere anche la vendita dei prodotti più costosi con la sicurezza nell’incasso.

Focus su comparto Auto e Moto

Per muoversi gli italiani prediligono nel 69% dei casi l’autovettura. Il tempo medio di ogni spostamento è di circa 1 ora e il numero di spostamenti pro-capite è di 2,68 al giorno.

Le immatricolazioni delle autovetture, in ripresa nel I semestre 2016 del 19,4%, sono ancora fortemente orientate alle fasce più economiche con oltre il 60% di city car ed utilitarie. Nel comparto dei motocicli oltre la metà delle immatricolazioni nel primo semestre è riconducibile a scooter.

Si conferma il risparmio la leva più importante per valutare l’acquisto di un’auto, non solo in termini di valore al momento dell’acquisto vero e proprio, ma anche successivamente per la gestione e manutenzione ordinaria del mezzo. Segue a distanza lo stile e l’estetica dell’automobile. Altro elemento emerso è l’attenzione ai bassi consumi, che, secondo i convenzionati, influenza la scelta del 24% dei clienti.

Tra i trend di maggiore innovazione nei comparti auto e moto si conferma la ricerca di mezzi a basso consumo (elettrico/ibrido) e forme di noleggio a lungo termine.

Il car o moto sharing come trend di innovazione nel settore non sembra spaventare i convenzionati auto che nell’84% dei casi sostengono di non aver subito danni nelle vendite da questo nuovo fenomeno.

Altro tendenza che secondo il 46% dei convenzionati auto e moto appare di grande interesse per i clienti riguarda le applicazioni che consentono di gestire e controllare i veicoli da remoto rendendoli sempre più connessi e multimediali.

Secondo gli intervistati circa 1/3 degli acquisti sono realizzati grazie a promozioni. Trend stabile rispetto a quanto dichiarato nel 2015.

Al momento dell’acquisto dell’auto il 50% degli intervistati si è già informato in merito al finanziamento della spesa, andando personalmente presso la concessionaria, una finanziaria o in banca. Più del 50% utilizza anche il canale web per la raccolta di informazioni, in crescita rispetto all’anno passato.

Nel settore auto l’utilizzo del credito al consumo risulta più elevato rispetto agli altri settori rappresentando una leva per aumentare il proprio bacino d’utenza. Lo conferma uno studio effettuato sui convenzionati rispetto alla residenza dei propri clienti finanziati. All’aumentare dell’utilizzo del credito al consumo cresce sensibilmente il bacino di utenza dei propri clienti cogliendo un’esigenza del territorio.

I numeri dell'osservatorio

  • 56 mila - i convenzionati attivi nel 2015
  • +21% - la crescita dei flussi finanziati tramite convenzionati nel I° semestre 2016 (vs I° semestre 2015)
  • 9 Mld € - i flussi finanziati tramite convenzionati nel I° semestre 2016
  • 17 mila - i convenzionati attivi nel settore Auto/Moto nel 2015
  • +23,5% - la crescita dell'erogato per il settore Auto/Moto nel I° semestre 2016 (vs I° semestre 2015)
  • 7,2 Mld € - l'erogato dei convenzionati Auto/Moto nel I° semestre 2016
  • 19.7% - la percentuale di consumi di beni durevoli finanziati da convenzionati nel 2015
  • 247€ - l'erogato dei convenzionati attivi per residente nel 2015